Asana: esercizi per lo yoga

asana yoga

Gli esercizi che si praticano con lo yoga sono detti asana, che vuol dire posizione ferma, perché di solito queste posizioni devono essere mantenute ferme come la roccia, anche se all’inizio l’obiettivo e solo quello di avere una maggiore flessibilità del corpo fino a che il corpo non si abitua e quindi possiamo tenere le posizioni per lungo tempo, vediamo qualche utile consiglio prima di iniziare la pratica vera e propria:

 Pratichiamo gli esercizi in un ambiente tranquillo e asciutto, ventilato e in solitudine in cui abbiamo la certezza di non essere disturbati, se necessario chiudiamo la porta a chiave, stacchiamo il telefono, possiamo anche mettere su una musica rilassante che ci distacchi dal mondo esterno.

 Le posizioni vanno eseguite a terra su una stuoia o un tappeto, anche una coperta va bene, teniamo le asana solo per un breve periodo all’inizio per dare il tempo al corpo di acquistare la giusta flessibilità.

 Manteniamo la posizione fin quanto essa ci risulta confortevole anche se le prime volte ci saranno delle ovvie difficoltà, non demordiamo; la pazienza, la perseveranza, la costanza e la sincerità d’animo ci conduranno alla metà.

 Pratichiamo yoga lontano dai pasti e preferibilmente dopo aver evacuato.

 Possiamo anche bruciare profumi che ne favoriscono la pratica come incenso, sandalo, muschio e altri.

 Stabiliamo prima quali esercizi vogliamo eseguire e predisponiamoci bene con l’animo.

 Ottimo sarebbe eseguire gli esercizi tutti i giorni senza tralasciare nessun particolare della loro esecuzione.

 Quando eseguiamo le asana dovremmo evitare ogni movimento non necessario che potrebbe distrarci dall meditazione, il corpo e quindi le posizioni devono essere mantenute ferme come la roccia.

 Dedichiamo più tempo alle posizioni che ci piacciono e ci riescono meglio, lo stesso dovremmo fare per quelle posizioni che non ci aggradano perché ciò vuol dire che c’è una carenza e quindi dobbiamo risvegliare l’energia dei chakra.

 L’ora ideale per praticare yoga è al mattino prima del sorgere del sole, quando la mente è in pace e fresca come una pagina bianca, libera da pensieri e stress, a quest’ora ci sono anche influenze magnetiche favoreli nell’atmosfera.

 La buona predisposizione d’animo, la nostra coscienza, la condotta morale e la purezza con cui si praticano le asana sono la base dello yoga, altrimenti potremmo essere pure in grado di tenere una posizione per ore e sentirci alla fine pieni di desideri e non sereni e felici, in questi casi abbiamo solo realizzato una figura acrobatica.

 Non esageriamo a tavola, preferendo alimenti semplici e poco elaborati, anche un digiuno aiuta la pratica.

 Non pratichiamo yoga come un impegno o costrizione ma con un buon spirito positivo, solo così ne potremmo trarre tutti i benefici.

 Le asana possono essere eseguite come meglio crediamo, anche in base alla nostra disponibilità di tempo, oppure praticarle in sequenza come sono illustrate qui, l’unica cosa che dovremmo sempre iniziare con savasana e terminare con essa.

 Alcune delle asana che consigliamo possono sembrare troppo facili da eseguire e quindi possono sorgere dubbi sulla loro efficacia, comunque man mano che la posizione viene vissuta interiormente ci si renderà conto come essa stimoli la circolazione energetica nei chakra e quindi come la mente e il corpo ne traggano benefici.