Ghiandole ingrossate

Che cos'è e probabili cause

ghiandole ingrossate Ci fa male deglutire, le ghiandole del collo sono dolenti, più grandi e dure del normale? Pensiamo alle centinaia di linfonodi sparsi in tutto il corpo come a stazioni di polizia, solitamente la situazione è calma ma quando nell'organismo scoppia un'infezione, il nostro sistema immunitario risponde richiamando più globuli bianchi, che accorrono nei linfonodi, detti comunemente ghiandole, questo sovraffolamento nei linfonodi ci provoca dolore il dolore e gonfiore che avvertiamo.

In condizioni normali le ghiandole sono morbide, gommose, mobili, con un diametro di circa mezzo centimetro, con il compito di rimuovere dall'organismo le tossine e le altre sostanze indesiderate, ma quando l'allarme dell'infezione risuona, si gonfiano facendosi dure e dolenti all'accorrere di un flusso di cellule dell'apparato immunitario dal midollo osseo e dalla ghiandola del timo. Inoltre fungono da deposito per i germi trascinati dalla prima linea del fronte, che qua vengono distrutte e smaltite.
Sono più di 500 i linfonodi distribuiti nel nostro organismo, in punti come il collo, l'inguine, e le ascelle, anche se le prime a farsi notare quando si gonfiano sono proprio quelle del collo perché circa il 30% di tutti i linfonodi è localizzato qui, anche se si gonfiano pure le altre ghiandole; ad esempio un'infiammazione alla vescica fara gonfiare le ghiandole dell'inguine.

Come si cura - Terapia

Non c'è molto da fare contro le ghiandole ingrossate e dolenti se non quello di applicare dei tamponi caldi per circa 15 minuti 3 o 4 volte al dì. Mentre bisognerebbe concentrarsi sul contrastare l'infezione che ne ha provocato il gonfiore, ciò si può fare aiutando il sistema immunitario ad essere più efficiente. Comunque alcuni tipi d'infezione richiedono le cure del medico, quindi se le ghiandole rimangono ingrossate per più giorni, o se oltre al gonfiore e all'indolenzimento vi è anche la febbre, mal di testa e/o altri sintomi e consigliabile rivolgersi al medico.

Una tazza di thè Lo zenzero favorisce la circolazione sanguigna e la sudorazione, entrambi aiutano a purificare il corpo e favoriscono la guarigione. Se abbiamo difficoltà a deglutire la soluzione migliore è proprio assumere lo zenzero in forma di infuso, esso è in vendita nelle erboristerie.

Aglio L'aglio come è risaputo possiede proprietà antibiotiche naturali, quindi mangiarne qualche spicchio al giorno stimola il sistema di difesa a reagire più attivamente contro le infezioni in corso; può essere mangiato fresco, la soluzione migliore in cui è più efficace, ma è in vendita anche in capsule o compresse inodore.

Echinacea L'echinacea è un erba medicinale che può aiutare il sangue e le ghiandole linfatiche a liberarsi delle tossine, viene venduta nelle erboristerie e nelle farmacie specializzate in fitoterapia, assumiamone una o due capsule al giorno alla comparsa dei primi sintomi.

Idraste Questa è un altra erba medicamentosa, essa stimola il fegato che svolge un ruolo importante nel combattere le infezioni, inoltre rinforza le membrane e le mucose del naso, della bocca e della gola, prendiamo una o due capsule al dì alla comparsa dei primi sintomi, ma non facciamone un'abitudine perché l'idraste in eccesso può portare irritazioni al fegato.

note legali info