Dolore alle gambe

Che cos'è e probabili cause

corsa Avvertiamo un dolore acuto alla parte bassa della gamba, lungo la tibia? Facciamo un esempio, oggi abbiamo deciso di non fare i nostri consueti 7 chilometri di corsa ma di prolungare ad 11, domani ci ritroviamo con un dolore agli stinchi che ci azzoppa. Questo è dovuto o ad un cambio della superficie cui siamo abituati a correre oppure all'eccessivo aumento della distanza percorsa. Succede che se i muscoli del polpaccio non sono flessibili si aumenta il carico sul muscolo dello stinco; il compito del polpaccio è di orientare il piede verso il basso mentre quelli dello stinco hanno la funzione di tirare su il piede. Quindi se abbiamo il polpaccio teso tanto da contrastare il lavoro dei muscoli dello stinco si possono creare delle microlesioni a livello di questi ultimi perchè i muscoli del polpaccio ne contrastano il loro lavoro.
Tutti gli sportivi ne sono potenzialmente a rischio.

Come si cura - Terapia

Ovviamente la migliore cosa da fare è cercare di prevenire queste cose aumentando gradualmente la distanza percorsa e non cambiare di colpo la superficie sulla quale facciamo sport, ma vediamo anche qualche consiglio per calmare il dolore ed evitare ricadute:

Ghiaccio Il ghiaccio già lo sappiamo è ottimo per il gonfiore e il dolore, quindi dopo 15 minuti che abbiamo finito l'allenamento massaggiamo la zona con del ghiaccio avvolto in un panno per attenuare i sintomi.

Stretching Ci sono vari esercizi di stretching che possiamo fare per prevenire questo genere di dolore ma uno dei più efficaci è certamente questo: siediamoci e posizioniamo i piedi davanti a noi con le piante ben poggiate a terra, ora ruotiamo il piede verso l'interno, tendendone l'esterno e premendone questa parte contro il pavimento. Rimaniamo così per 20-30 secondi, poi ruotiamo la caviglia in modo che l'interno del piede sia premuto a terra con la pianta rivolta verso l'esterno. Mentre eseguiamo i due movimenti accertiamoci di tenere le ginocchia alte e ben proiettate in avanti, in modo da massimizzare l'efficacia dello stretching. Poi ovviamente ripetiamo l'esercizio anche all'altra gamba.

Rafforziamoci Un altro ottimo esercizio per prevenire i dolori spaccastinchi sono le spinte di polpacci ad alto numero di ripetizioni, eseguite almeno 2 o 3 volte a settimana. Togliamoci le scarpe e posizioniamoci in piedi, solleviamoci lentamente sulle punte dei piedi e rimaniamo in posizione per 3 secondi, ripetiamo l'esercizio per 12-15 volte per 2 o 3 serie. Possiamo anche farlo posizionando a terra uno spessore e salendoci sopra con le punte in modo che nella fase discendente dell'esercizio si avra un iperestensione del polpaccio.

Fasciamoci Se vogliamo correre anche quando ci fanno male le gambe dovremo comunque ridurre l' intensità e la distanza degli allenamenti e proviamo anche ad utilizzare una fasciatura di 10 centimetri avvolta intorno alla gamba come sul manico di una racchetta assicurandoci che non sia troppo stretta. La possiamo tenere anche per tutta la giornata, basta che la togliamo la notte, anche se non curera il dolore ci sara comunque d'aiuto mentre ci allenniamo.

Scegliamo le scarpe giuste Se siamo un po' sovrappeso non possiamo pretendere di usare le stesse scarpe di una persona in forma o più minuti di noi, se siamo belli grossi e ci avviciniamo o superiamo i 100 kili non possiamo pretendere di correre con una scarpetta acquistata all'ipermercato di pochi euro, perché così equivale a correre quasi a piedi nudi, così come se siamo una persona leggera e compriamo una scarpa particolarmente dure equivale a correre con le scarpe di cuoio. Percò ad ognuno la sua scarpa.

Sostituiamole Dovremmo cambiare le nostre scarpe ogni 500-600 chilometri percorsi, non possiamo certamente correre all'infinito con le stesse scarpe perché perdono inevitabilmente la loro capacità di fornirci sostegno. Quindi anche se non facciamo tutti sti chilometri diamoci na controllata ogni tanto in che stato sono o comunque sostituiamole ogni sei mesi.

note legali info